L’istamina e lo stress psicologico

Anna Nadal

Fisioterapista e post-laurea in PNIE

Sapevate che la concentrazione di istamina nell’organismo potrebbe essere influenzata anche dallo stress emotivo?

Lo stress è una parte inevitabile della vita moderna. I nostri corpi reagiscono biologicamente agli stimoli che ci causano stress, e ciò può avere un impatto significativo sulla nostra salute. In questo articolo, esploreremo come lo stress emotivo può influire sulla liberazione di istamina nel nostro organismo e la sua relazione con diverse condizioni di salute.

Sindrome da attivazione delle cellule mast (MCAS) e la sua connessione con lo stress

I nostri corpi reagiscono biologicamente agli stimoli che ci causano stress. Una delle risposte a questo tipo di situazioni è l’attivazione delle cellule mast, che porta alla liberazione di istamina e di altri mediatori infiammatori. La sindrome da attivazione delle cellule mast (MCAS), che può manifestarsi per diverse ragioni, a volte può essere correlata allo stress.

Per essere precisi, non è lo stress in sé a attivare le cellule mast, ma l’ormone prodotto in risposta a queste situazioni, noto come corticotropina rilasciante (CRH). Questo ormone è prodotto nell’ipotalamo, la prima parte dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), ed è coinvolto nell’attivazione delle cellule mast, che porta alla liberazione di istamina a causa dello stress.

Cosa sono le cellule mast?

Le cellule mast sono una parte essenziale del sistema immunitario e si trovano nelle mucose e nei tessuti epiteliali di tutto il corpo. Vengono classificate in tipo T e tipo TC e svolgono un ruolo importante nelle risposte immunitarie allergiche e anafilattiche, nelle reazioni autoimmuni, neuroormonali, allo stress e alle infezioni (Teoharis C. 2023).

Le cellule mast sintetizzano, immagazzinano e rilasciano una varietà di mediatori con diverse funzioni, alcuni dei quali hanno effetti immunosoppressivi e altri effetti proinfiammatori. Questi mediatori includono istamina, triptasi, serotonina, IL-1, IL-6, fattore attivatore delle piastrine, prostaglandine e leucotrieni.

Quando le cellule mast vengono attivate, rilasciano granuli che contengono questi mediatori nel loro citoplasma, in un processo noto come degranulazione.

L’importanza del controllo dell’attivazione delle cellule mast

Il problema sorge quando avviene una degranulazione eccessiva delle cellule mast, che può portare a una risposta infiammatoria esagerata nel corpo e nell’intestino (Ramos. L. et al 2007). Il rilascio di IL-1β, IL-6 e TNF-α da parte delle cellule mast forma la base della persistenza dell’infiammazione, mentre il rilascio di istamina e triptasi contribuisce alla sensibilizzazione delle fibre nervose. Pertanto, una maggiore attivazione delle cellule mast è associata a un aumento dell’eccitabilità dei neuroni del sistema nervoso enterico e alla permeabilità intestinale. Questo è particolarmente rilevante nelle persone a cui è stata diagnosticata la sindrome dell’intestino irritabile, poiché spesso sperimentano dolore a causa di questa sensibilità viscerale aumentata e infiammazione nella mucosa intestinale (Panula P. 2015).

Inoltre, l’attivazione delle cellule mast gioca un ruolo cruciale nella patogenesi di molte malattie, non solo di natura allergica, ma anche nelle malattie autoimmuni e nel cancro.

Christine N. Noto. et al. (2021)

L’impatto dello stress sul sistema immunitario

È importante distinguere tra stress acuto e stress cronico. La nostra fisiologia si aspetta di dover affrontare lo stress di tanto in tanto, il che genera risposte acute o brevi. Questi fattori stressanti possono essere, ad esempio, l’attività fisica, le variazioni di temperatura, i periodi di digiuno e altri.

Osservando le tendenze e il contesto della nostra società, notiamo che la maggior parte dei fattori stressanti ad alta intensità di solito non sono di natura fisica o di breve durata, ma emotiva e prolungata. Questo squilibra l’adattamento del nostro organismo allo stress e fa sì che la risposta ormonale persista nel tempo, anche in momenti in cui non dovrebbe accadere.

Modello di stress circadiano

Il rilascio di ormoni, compresi quelli legati allo stress, dovrebbe seguire un modello circadiano e oscillare tra il giorno e la notte. La nostra fisiologia attraversa cambiamenti tra queste due fasi, ma lo stress cronico interrompe questo ritmo naturale. Ad esempio, influisce sulla produzione di cortisolo e, di conseguenza, disturba il nostro orologio biologico, limitando le risorse disponibili per il sistema immunitario. Ciò può portare a uno squilibrio che aumenta il rischio di sviluppare una vasta gamma di malattie, dalle infezioni comuni a vari tipi di cancro. In sintesi, lo stress ha un impatto significativo sul nostro corpo.

È interessante notare che esiste una differenza di genere nell’attacco dei recettori dell’istamina H1 nel cervello. Le donne potrebbero avere una maggiore affinità per questi recettori rispetto agli uomini (Shin Fukudo, et al. 2022). Pertanto, soprattutto se sei una donna, è importante trovare e promuovere uno stile di vita e meccanismi che ti consentano, per quanto possibile, di regolare lo stress e la produzione di istamina.

Stress e il suo effetto sul sistema digestivo

Lo stress cronico influisce negativamente sul funzionamento del sistema digestivo, aumentando la permeabilità dell’epitelio intestinale e favorendo l’ingresso dell’istamina e il rilascio delle cellule mast. Un intestino con alta permeabilità consente un massiccio ingresso di istamina nel flusso sanguigno, il che può portare a sintomi legati a un eccesso di istamina. L’istamina svolge un ruolo importante nella fisiopatologia delle malattie intestinali e dei disturbi dell’asse intestino-cervello, e l’equilibrio della microbiota intestinale è fondamentale per il trattamento delle persone affette da carenza di DAO.

Al seguir navegando el sitio, aceptas el uso de cookies. más información

La configuración de cookies en este sitio web está configurada para "permitir cookies" para brindarle la mejor experiencia de navegación posible. Si continúa utilizando este sitio web sin cambiar la configuración de las cookies o si hace clic en "Aceptar" a continuación, está dando su consentimiento.

Cerrar